La nostra testimonial: Maria Roveran

Maria Roveran

Nasce a Venezia nel 1988. Dopo aver frequentato per due anni le Facoltà di Fisica delle Università di Padova e Trieste, si trasferisce a Roma per frequentare il corso di recitazione del Centro Sperimentale di Cinematografia, e alterna esperienze teatrali e cinematografiche, cortometraggi e videoarte. 

Nel 2011 riceve una borsa di studio per la Shanghai Theatre Academy. Tornata in Italia, nel 2012 è scelta comeprotagonista del film Piccola Patria di Alessandro Rossetto, nel ruolo di Luisa, per la cui colonna sonora compone e interpreta le canzoni Piccola Patria e Va (Assime star)Il film viene selezionato alla 70° edizione della Mostra del Cinema di Venezia, categoria “Orizzonti”, al International Film Festival di Rotterdam, al New Talent Gran Prix del Copenaghen International Filmal Munich Film Festival, viene inserito nella prestigiosa rassegna “Open Roads” di New York, e riceve la nomina per il Globo d’oro 2014 per sceneggiatura e colonna sonora.IMG_9920_web

Menzione speciale al Premio Kineo 2013, miglior attrice 2014 a Bimbi Belli, la rassegna sui migliori esordi curata da Nanni Moretti, è uno dei cinque volti premiati come “Visioni Future” da Marie Claire, nel corso della 71° edizione della Mostra del Cinema di Venezia ed ottiene il premio rivelazione alla XVIII Tertio Millennio Film Fest. Ne La foresta di Ghiaccio di Claudio Noce con Emir Kusturica, selezionato al Festival Internazionale di Roma, in concorso a ottobre 2014, e in selezione anche al Tokio Film Fest, interpreta Sandra. Anche per questa produzione Maria ha composto una canzone, presente nella colonna sonora del film, dal titolo “Putea dela luna”.

Ha partecipato al Festival di Todi con l’opera teatrale “Le Tate” scritta e diretta da Alessandra Panelli. E’ stata una delle protagoniste nella passata stagione di “Cinque ragazzi morti-il musical lo-fi“, tratto dall’omonimo romanzo di Davide Toffolo, leader dei Tre allegri ragazzi morti, spettacolo di Eleonora Pippo, in tour lungo tutto il 2014. A novembre 2014 è uscito il suo primo cd dal titolo “AlleProfondeOriginiDelleRugheProfonde”, per la Gutenberg Music, etichetta veneziana che ha in catalogo lavori dei due “Premi Tenco” Max Manfredi e Cristiano Angelini, sette canzoni che comprendono le sue composizioni per i film Piccola Patria e La foresta di ghiaccio. Ne è seguito poi un tour estivo ed ora Roveran è in studio per registrare il suo nuovo lavoro musicale.

meryred_web

Da settembre a novembre 2015 è stata impegnata sul set del nuovo film di Giuseppe Piccioni Questi giorni“, che uscirà in sala nel 2016, in cui sarà una delle protagoniste, insieme a Marta Gastini, Laura Adriani, Caterina Le Caselle, e, tra gli interpreti principali, di quello Filippo TimiMargherita BuySergio Rubini. E’ apparsa come protagonista di puntata in due serie televisive di successo come “Non uccidere” su Rai Tre, accanto a Miriam Leone, di Giuseppe Gagliardi e “I misteri di Laura” su Mediaset.

Sempre nel 2015 ha partecipato come performer al video “Canzone dell’inverno“, primo singolo estratto da Storie di Via Togliatti de “La Notte Delle Streghe“, nuovo progetto musicale di Marco Degli Esposti, con la regia di Linda Bertazza, ed al video del collettivo artistico DustyEye dedicato all’installazione “La Maniglia della prospettiva totale”.

Presentazione Sinestesie

Sinestesie si configura come contenitore di iniziative, volte a conciliare fotografia e inclusione sociale, organizzate nell’ambito del festival di teatro sociale Anticorpi.

gifpiccola

Sinestesie è nato nel 2014 con un concorso fotografico dal tema “storie di integrazione attraverso il teatro” e nell’ambito della 4^ edizione del festival ha visto l’esposizione del progetto vincitore.

Nel 2015 Sinestesie ha presentato con Anticorpi gli esiti di un laboratorio di espressività individuale e relazionale attraverso il mezzo fotografico, svolto con gli utenti di un centro diurno per disabili di Roma.

Sinestesie, nel 2016, intende ripresentarsi nell’iniziale veste di concorso fotografico, che quest’anno vuole indagare il concetto di “Abile” iniziando proprio dal significato etimologico ovvero dal latino habĭlis cioè “che si tiene bene in mano”, proponendo un’esposizione finale

L’Associazione Anticorpi presenterà anche gli esiti di un proprio progetto fotografico che si è svolto sul nuovo tema del concorso.

Anticorpi, festival di teatro per l’inclusione sociale giungerà nel 2016 alla sesta edizione, confermandosi ormai come un appuntamento stabile nel panorama del teatro sociale a Roma. Negli anni ha presentato spettacoli e laboratori delle compagnie di teatro integrato provenienti da diverse parti di Italia e ha proposto anche laboratori con registi ed esperti di teatro sociale.

La prossima edizione del festival e di Sinestesie avrà una testimonial: l’attrice e cantante Maria Roveran.